Analisi e riflessioni mercato ordinario di scambio

Esponiamo alcune riflessioni riguardo il market cap, che personalmente mi piace chiamarlo mercato ordinario, appunto perchè in questo sito andiamo a consigliare un altro tipo di mercato e di criptovalute, rispetto a quelli ordinari.

  • Il bit coin è stata la prima criptovaluta ad avviare il coinmarketcap avendo un successo enorme, ed è l’unica che oggi è realmente spendibile.
  • Alcune criptovalute secondarie stanno cominciando ad avere successo, ma ancora molto lontane rispetto al bitcoin
  • Oggi sono presenti nel coinmaketcap 1600 criptovalute diverse, di cui solo le prime 10 sono scambiate nelle piattaforme più importanti
  • Il mercato è mosso principalmente da trader che muovono il mercato a loro vantaggio per trarne profitto
  • Il mercato scende inevitabilmente di molto ogni qual volta i trader monetizzano i loro profitti al raggiungimento di un determinato valore di crescita
  •  Nessuna ha un valore intrinseco reale
  • L’estrazione di nuove monete di bitcoin ha raggiunto costi troppo alti, quindi non sostenibili dalla massa.
  • L’emissione di nuovi bitcoin prevista nel breve periodo è resa obbligatoria dall’esaurimento del quantitativo iniziale previsto causerà un inflazione e crollo incontrollato dei mercati di riferimento trascinando tutte le altre criptovalute

In più i problemi più grandi in questo sistema di mercato, e i rischi per la popolazione sono questi:

  1. Nel tentativo di emulare il successo di Bitcoin, in tanti sono spinti verso l’acquisto di monete che di fatto non generano volumi di scambio sul mercato e pertanto il possessore è impossibilitato a monetizzarle agevolmente e nel momento in cui si tenta la monetizzazione la moneta si deprezza facilmente
  2. La costante e quotidiana nascita di nuove criptovalute renderà sempre più evidente il divario tra bitcoin e tutte le altre
  3. Le criptovalute secondarie non hanno facile possibilità di espansione e crescita nel lungo termine
  4. Ai primi segnali di perdita del valore si ha un effetto domino sul panico incontrollato da parte di chi non ha gli strumenti e le conoscenze per saper gestire la situazione
  5. Come in ogni innovazione solo i primi a cavalcare l’innovazione hanno reale possibilità di successo e il coin market cap, a meno che non si è trader professionisti, non offre più questa possibilità

 

Quindi i principali PRO

  • La gestione è indipendente dal controllo di banche o governi
  • La loro valorizzazione è data dalla fiducia che la popolazione ripone nella singola moneta
  • Chi ha capacità e competenza è in grado di generare profitti

 

Principali Contro

  • Il mercato è dovuto ad oscillazione molto rilevanti in termini di percentuale
  • Non vi è ancora una piena scambiabilità e spendibilità
  • Il mercato è smosso da logiche speculative che alimentano un entusiasmo momentaneo ma non supportato da un reale scambio di beni o da un valore intrinseco reale
  • Le informazioni cui può accedere  la popolazione di massa è caotica, di parte e spesso manipolatoria e volta al sol fine di convincere che una moneta sia meglio dell’altra senza tener conto che solo pochissime, le primissime ad aver avviato il sttore, hanno i volumi e le garanzie per sostenere la conversione in valuta Fiat della massa

 

Per questo personalmente mi sento di cavalcare l’innovazione che sta avvenendo con il

Forced Market Cap 

la criptovaluta più importante del forced market cap è il

DT coin (clicca qui se sei interessato)

 

Scrivi un commento per dubbi o domande in fondo la pagina.

 

 

 

 

Condividi sui social!
2018-07-18T13:53:09+00:00 giugno 1st, 2018|Mercato ordinario (market cap)|0 Comments

Leave A Comment

CONTATTACI